Tipologie di campagne SEO

ATTENZIONE! Non stai leggendo un normale articolo di un normale blog, ma i capitoli di un vero e proprio ebook riadattati per il web. Per saperne di più: e-book SEO.

Finora abbiamo parlato in termini teorici. Ma il 90% della SEOcome descritto in precedenza e come continuerò a ripeterti fino all’ultima pagina di questo ebookè pratica.

Iniziamo quindi a scendere dal mondo delle teorie fin negli inferi dove ci si sporca le mani veramente. Vediamo insomma un po’ che succede all’atto pratico.

Innanzitutto mi piacerebbe dirti che ogni campagna SEO è diversa, come direbbe una mia collaboratrice:

E se mi hai seguito finora, adesso inizierai a capire perché.

Prima di continuare, però, ferma tutto e fai questo piccolo esercizio:

Poniti questa domanda: “Perché ogni campagna SEO è diversa?”

Ora chiudi gli occhi e concediti qualche minuto per cercare una o più risposte.

Ora che ti sei fatto qualche idea, ti dico la mia. Dai, vediamo se stavolta riesco a essere sintetico…

Ogni campagna SEO è diversa perché:

Come sono andato?

E tu? Quanto si sono avvicinate le tue risposte ai punti qui sopra?

Ma io di risposte te ne voglio dare ancora una:

Ogni campagna SEO è diversa perché ogni SEO è diverso.

E a questo punto sarebbe fin troppo facile cadere in banalità e dirti che ci sono SEO bravi, meno bravi, inetti e truffatori.

Ti dirò invece che ogni campagna SEO è diversa perché il tuo SEO potrebbe essere

Ogni campagna SEO è quindi diversa dalle altre per tanti motivi. Ma diversa come?

È arrivato il momento di vedere quali sono le principali tipologie di campagna SEO.

tipologia seo

Ottimizzazione sito

Questa è indubbiamente la tipologia di campagna SEO più semplice.

Partenza: sito web.

Obiettivo: ottimizzazione dei suoi contenuti.

Azioni: Di norma si controllano il codice e le parti più importanti del sito dal punto di vista SEO (controllo parole chiave, fattori on-page, analisi tecnica…) e magari si valutano anche elementi più delicati come l’intera struttura logico-concettuale del sito web. A volte, dopo una bella fase di analisi (a cui dedicheremo tutta la nostra attenzione presto), si potrebbe decidere di implementare i contenuti per allargare la rete con cui andare a pescare i clienti. Sì lo so, avrei dovuto dire “allargare il range delle parole chiave con cui posizionarsi” ma se non le uso qui le metafore dove lo faccio? (lo sapevi che c’è chi suggerisce che Google sia allergico alle metafore? ma questo è decisamente un altro discorso…)

SEO local

Partenza: azienda o professionista.

Obiettivo: promuovere attività che opera in un territorio piuttosto preciso e circoscritto.

Azioni: I potenziali clienti di questo tipo di azienda cercheranno frasi piuttosto specifiche, del tipo “pittori edili udine”, “fotografo montecatini terme”, “appartamenti a catania”, “avvocato genova”, “ortodonzia invisibile reggio emilia”…

La maggior parte di esse mostrerà una SERP dove il box di Google maps avrà grande rilevanza, comparendo sopra i risultati organici.

Risultati organici: i 10 classici risultati di Google che compongono la SERP una volta esclusi gli annunci sponsorizzati di AdWords, il box di Google Maps e altri eventuali box.

Sarà quindi nostra cura ottimizzare la campagna anche in vista di un migliore posizionamento del nostro cliente nelle classifiche di Google Maps!

Una campagna SEO local, inoltre, spesso non potrà fare a meno di tenere in alta considerazione le caratteristiche tipiche di un determinato mercato, come competitor molto particolari (il già citato tripadvisor per qualsiasi realtà turistica), alcuni forum di settore e directory verticali.

Domanda: Ho bisogno di una campagna SEO local?

Anche se potenzialmente fai parte di quella fortunata categoria di professionisti che possono offrire servizi online e quindi a tutta Italia (ops, correggo: tutto il mondo!) non è sbagliato provare a darsi una sede e provare a posizionarsi per SERP local: spesso anche nell’era di internet e di Skype i clienti vogliono avere almeno un primo approccio faccia a faccia… poverini!

E se qualcuno poi cercasse la tua figura professionale in tutta Italia? Non è frequente… ma guarda ad esempio cosa mi fa vedere Google per questa ricerca:

esempio risultato seo local

I risultati di Google maps!

Link Building

Di che cos’è il link building parleremo ampiamente più avanti. Qui ci basti solo accennare al fatto che molti clienti potrebbero chiedere al consulente SEO di fare una specifica campagna di link building, che essenzialmente significa aumentare il numero di link in entrata (da altri siti web) verso il sito del nostro cliente.

Perché?

Detta proprio in 2 parole… perché Google considererà tanto più autorevole il tuo sito quanti più link in entrata riceve da siti esterni.

Detta invece in 4 parole… quanto detto sopra, ma con una precisazione in più: non tutti i link esterni sono uguali. Un link da un sito autorevole e “prestigioso” vale di più di un link proveniente da un sito nato ieri, ad esempio, e un link da un sito a tema è meglio di un link che arriva da un sito generico o fuori tema.

Un’altra differenza notevole in materia di link building la fanno gli anchor text, vale a dire le parole attraverso cui linkiamo al nostro sito. Ma anche di questo parleremo dopo.

Insomma: parliamo di tutto dopo?!

No. Di content marketing, ad esempio, ne parliamo adesso :)

Content Marketing

Ora. Come per l’acronimo SEO (vedi il capitolo sull’insicurezza del SEO), sarebbe molto bello che ti snocciolassi qualche definizione di quello che è il content marketing. E invece non ce l’ho!

Però so cosa bisogna fare all’atto pratico. Che forse è pure più utile di una definizione. Lo so, a essere così riduttivo farò sicuramente incazzare i teorici del content marketing… ma non badiamo a queste cose e andiamo oltre!

Una sola cosa dobbiamo avere presente quando parliamo di SEO e questa cosa sono i risultati, che però non potranno che arrivare nel lungo periodo. E qui a incazzarsi saranno invece un po’ di SEO yuppies, quelli che “va bene i contenuti… ma qualcosa da fare subito??”. Fa lo stesso, è un pezzo che ho smesso di cercare di piacere a tutti. Questo è quello in cui credo ed è quello che voglio passare anche a te che mi leggi. Che se mi leggi, forse un po’ sai già come la penso…

Dunque: “Content Marketing” significa che dovremo fare contenuti… per fare marketing!

In termini SEO, se ho ben chiare le parole chiave del sito che devo promuovere e queste parole chiave sono piuttosto difficili e competitive, quello che devo fare è aumentare i contenuti del mio sito web articolandoli in una varietà di argomenti, punti di vista, racconti, risorse, tutorial e quant’altro possa venirti in mente, tutti correlati alle parole chiave principali.

In seguito parleremo di quello che avviene con precisione quando si sviluppa una strategia SEO di questo tipo…

Lo strano caso della Guida Michelin

I guru del marketing americano narrano che il primo caso di content marketing ante litteram fu quello delle Guide Michelin.

Per chi non ne fosse certo (io ad esempio non lo ero):

  1. Michelin è proprio quell’azienda con l’immagine dell’omino gommoso bianco che vende pneumatici.
    content marketing michelin
  2. Le Guide Michelin sono pubblicazioni annuali rivolte al turismo con recensioni di alberghi e ristoranti.

Le due realtà sono collegate. L’azienda francese è stata fondata nel 1888 e la prima pubblicazione delle Guide stellate risale al 1900 su idea dei fratelli Edouard e Andre Michelin, gli stessi che avevano fondato l’azienda.

Che cosa mai era passato per la testa ai due fratelli? Che “c’azzeccavano” le guide con gli pneumatici? Tutto, avrebbero avuto modo di constatare milioni di persone (noi compresi) qualche decennio dopo. Edouard e Andre Michelin avevano pensato che più avessero promosso il concetto del “viaggiare” (in macchina) e più avrebbero venduto i loro pneumatici!

Ma avevano fatto di più: avevano collegato al loro brand una risorsa percepita come utile e preziosa.

Tenendo a mente l’esempio Michelin, possiamo dire che il content marketing è fornire ai propri potenziali clienti risorse utili e preziose in modo da – molto semplicemente – farsi conoscere!

A questa strategia – che è relativa al marketing – noi ci aggiungiamo l’effetto SEO, anzi, gli effetti SEO:

  1. Creiamo pagine pertinenti per parole chiave “facili” ma sempre correlate alle nostre parole chiave principali (molto probabilmente più difficili).
  2. Iniziamo a far raccogliere al motore di ricerca segnali utente positivi (gli utenti che visitano le nostre pagine sembreranno – al motore di ricerca – utenti soddisfatti delle loro ricerche).
  3. Iniziamo a far capire al motore di ricerca che se il nostro sito è apprezzato per quelle parole chiave più semplici ci sono buone probabilità che sia apprezzabile anche per parole chiave più difficili.

Casi interessanti di campagne di content marketing

In alcuni casi ideare una risorsa utile e in tema con il proprio business è piuttosto facile:

Altre volte invece la faccenda è più complessa e trovare argomenti per sviluppare una strategia di content marketing non è così semplice. Ma non dimentichiamo l’esempio delle Guide Michelin:

Insomma… facciamo lavorare la creatività!

Ecco alcuni esempi:

L’importanza del blog

Non è detto, in verità, ma la prima cosa che viene in mente quando si tratta di realizzare una strategia di content marketing è quella di fare un blog.

Ma naturalmente non basta fare un blog. Bisogna anche scriverci sopra! E bisogna pure farlo con certi criteri.

Ne riparleremo in seguito più dettagliatamente, per adesso vorrei solo accennare al fatto che, una volta deciso di pubblicare un blog, quello che occorre fare è:

Insomma, scrivere, scrivere, scrivere…

Trovare idee per scrivere articoli

Vai su Google e inserisci nel box di ricerca le tue parole chiave (se non ce l’hai ancora trovala ORA!) + la parola “blog”.

Se ad esempio una delle tue parole chiave è “copywriter” cerca “copywriter blog”.

Hai trovato risultati pertinenti?

Ci sono tuoi concorrenti in questa SERP?

Naviga tra i siti web – anzi, tra i blog – dei tuoi competitor e fatti un’idea di che tipo di articoli scrivono e quindi di quelli che potresti scrivere tu per il tuo blog.

Quando ti viene un’idea, prendine nota!

Sei riuscito a farti venire almeno 10 idee?

Se la risposta è negativa forse è un settore troppo di nicchia… o forse significa semplicemente che devi ragionare come farebbero i fratelli Michelin…

Se la risposta è positiva invece… forse è arrivato il momento di creare il tuo blog!


Lascia un commento

Compila qui sotto tutti i campi e clicca "Invia Commento"


Ebook SEO (SEO per Scrittori sull'Orlo di una Crisi di Nervi)

La ricerca (sulle) parole chiave

1.3 La ricerca (sulle) parole chiave
E se ti dicessi che la ricerca sulle parole chiave è il succo del lavoro del SEO? | |...

Come si fa un'Analisi SEO di un Sito Web. Completa! E per principianti!

1.2.2 Site: e altre diagnosi
In questo capitolo una guida completa per principianti su come analizzare lo stato di salute di un sito web attraverso...

L'obiettivo di un sito web

1.1 Obiettivo sito
Iniziamo il nostro percorso pratico (leggi il capitolo precedente "Come si lavora (quando si fa SEO)") con la fase di...

...vai all'indice dell'ebook »

Incredibile! C'è ancora roba qui sotto!